Novità affitti Marzo 2014

Sul fronte degli affitti proseguono le novità dal Governo, ed in particolar modo dal Ministro Lupi, arrivano notizie di incentivi per gli affitti con canoni concordati inserite nel Piano casa 2014 che verrà discusso a breve dal Consiglio dei Ministri.
Ricordiamo che i canoni concordati sono stati introdotti con i contratti-tipo della legge 431/1998 che ha riformato la disciplina delle locazioni abitative,
e rappresentano affitti con pigione calmierata secondo tariffe stabilite in
un accordo Territoriale siglato in ogni comune ad alta densità abitativa dalle associazioni di categoria dei proprietari immobiliari e degli inquilini, questi valori subiscono poi degli incrementi in base ad una serie di fattori oggettivi che vanno dalla posizione, metratura, dotazione di particolari elementi quali: aria  condizionata, doppi vetri, arredamento, ecc.
Per incentivare i proprietari di case a concedere il locazione il proprio immobile a prezzi più bassi, lo Stato concede al proprietario di poter usufruire di significative agevolazioni fiscali in termini di IMU, IRPEF e imposta di registro,
con la nuova indicazione del Ministro Lupi, sembrerebbe che il Governo voglia incentivare le locazioni a canone concordato concedendo un’ulteriore riduzione dell’aliquota della Cedolare Secca dal 15% al 10%, che come sappiamo è una imposta sostitutiva del tradizionale IRPEF.
La diminuzione della cedolare secca per gli affitti a canone concordato va nella direzione di una nuova spinta all’edilizia sociale di concerto con il fondo speciale per gli affitti, istituito per coloro che versano in condizioni di difficoltà economica e che non riescono a pagare regolarmente l’affitto.

Potrebbero interessarti anche...