Il Galateo del buon Agente Immobiliare. Cosa non fare davanti ai clienti.

Come tutti coloro che svolgono un lavoro a contatto col cliente, anche l’agente immobiliare deve guardarsi da alcuni comportamenti.

Casain24ore vi propone 4 atteggiamenti da evitare secondo il Galateo del buon agente immobiliare.

come deve comportarsi un buon agente immobiliare

Che il comportamento sia il nostro primo vero biglietto da visita, non è certo una novità.

Spesso però, specialmente sul luogo di lavoro, la quotidianità può portarci man mano a perdere un pò della sana attenzione che dovremmo dedicare al nostro atteggiamento.

Per fare buona impressione, non è importante solo ciò che diciamo, ma anche come lo diciamo.

Se per un macellaio o un edicolante è importante rivolgersi in modo adeguato ad un cliente ed evitare piccoli gesti sconvenienti, tanto più lo sarà per l’agente immobiliare, al quale il cliente deve affidare la trattativa della sua casa.

Un migliaio di parole non lasciano un’impressione tanto profonda quanto una sola azione.
(Henrik Ibsen)

1. Il buon agente immobiliare non lascia che sia il cliente il primo a salutare.

E’ buona norma che il cliente trovi un ambiente accogliente quando entra in agenzia.

Anche se in quel momento è molto occupato, l’agente immobiliare deve sempre dare il buongiorno per primo e sfoderare un bel sorriso, in modo da mettere a proprio agio chi entra. Soprattutto se il potenziale cliente varca la soglia della vostra agenzia per la prima volta, non deve sentirsi un intruso, ma un ospite ben accetto.

2. Il buon agente immobiliare non prende troppa confidenza.

Anche il modo di salutare o conversare è fondamentale. Il fatto di essersi incontrati un paio di volte per consulenze immobiliari, non rende l’agente immobiliare e il cliente amici. Perciò, anche dare subito del tu, usare espressioni molto colorite o un comportamento troppo confidenziale, può apparire decisamente fuoriluogo.

Di solito atteggiamenti più seri e posati sono maggiormente graditi, perché visti come sintomo di rispetto e professionalità.

3. Il buon agente immobiliare non si assenta per rispondere a telefonate interminabili.

Si sa che gli agenti immobiliari trascorrono molto tempo al telefono.

Il loro lavoro infatti implica di dover fornire molte informazioni a chi li contatta telefonicamente. Si stima che per ogni annuncio immobiliare pubblicato vengano ricevute almeno 20 telefonate. Ciò vuol dire che l’agente immobiliare è praticamente sempre a disposizione.

Quando però non è strettamente necessario, meglio evitare di rispondere al telefono durante la visita ad un immobile o in un momento cruciale della trattativa.

E gli sms? parlare col cliente tenendo gli occhi fissi sullo schermo… beh, forse è ancora peggio di assentarsi qualche minuto per rispondere a una chiamata.

4. Il buon agente immobiliare non parla di altri clienti con cui ha avuto a che fare.

Meglio non confrontare la situazione dei clienti che l’agente immobiliare si trova davanti con altre situazioni simili capitate in passato. Ognuno vuole sentirsi speciale e coccolato nella ricerca della casa perfetta per sé e per la propria famiglia, o nella vendita del proprio immobile.

Inoltre raccontare aneddoti su altri clienti che possono sembrare divertenti in un primo momento, in realtà possono far nascere nell’acquirente il sospetto che in futuro l’agente possa ridere con altri anche di lui.

Dopotutto, si sa che:

se vuoi sapere come parla di te una persona, ascoltala mentre parla con te di altri.

E’ preferibile instaurare un clima di fiducia e non di sospetto.

L’agente immobiliare è una figura professionale, preparata per essere un riferimento valido per chi deve trattare una compravendita o necessita di un servizio immobiliare. Non si tratta di un lavoro facile… proprio perché porta quotidianamente a confrontarsi con colleghi e con molti clienti diversi tra loro.

Al di là delle “buone maniere” che Casain24ore si è divertito a darvi, sappiamo che il motore del vostro mestiere è la passione per la soddisfazione del cliente.

Alla fine, sappiamo che vi basterà semplicemente essere voi stessi per fare un buon lavoro!

Potrebbero interessarti anche...